Archivio

Post Taggati ‘saddam’

Saddam : fine inevitabile

30 Dicembre 2006 1 commento

Avevamo una grande occasione per le mani:
Quella di dimostrare a tutto il mondo e particolarmente quello estremista islamico che nonostante i veri motivi del nostro coinvolgimento in Iraq, eravamo riusciti a portare la democrazia in un paese appena uscito da una dittatura…ma purtroppo non l’abbiamo colta!
Ora il dittatore è morto,il dittatore che NOI mondo occidentale abbiamo osteggiato,usato ed alla fine quando non ci serviva più…gettato via!
Certo, meglio un potenziale idolo morto che un crimilìnale di guerra vivo ma capace ancora di parlare e ricordare alle nostre coscienze (ed ai nostri giornali) le nostre colpe!
Quindi nessuno mi venga a dire che era inevitabile,che lo meritava,che era giusto,perchè alla demagogia di regime ormai non ci credo più.
Da qualche parte ho letto:”La Legge è uguale per tutti”..fosse vero non ci sarebbe il bisogno di scriverlo!!

Categorie:Primo piano Tag: , ,

Saddam:come predicare bene e razzolare male!

6 Novembre 2006 Commenti chiusi

Mai avrei pensato di dover difendere una persona colpevole di tali atrocità come quelle che gli vengono contestate,stragi,repressioni e qualsivoglia sistema atto a reprimere la libertà individuale,ma purtroppo devo farlo.
Se vogliamo davvero essere una civiltà come abbiamo il piacere di definirci,dobbiamo ammettere che anche il nostro più acerrimo nemico debba avere i nostri stessi diritti.
Propagandare la democrazia e la libertà individuale e poi togliere la vita ai nostri nemici,seppure colpevoli,non è in fondo commettere lo stesso sbaglio,sbarazzandoci degli oppositori?
Se non altro nei casi recenti il problema si è risolto da solo(vedi Milosevic)per cui non si è giunti a dover eseguire la sentenza(che combinazione eh..),ma a tal proposito qualcuno di voi sà la causa della morte di Arafat?
Nel caso dell’Iraq,dove le famose armi di distruzioni di massa ormai non le cercano più,dei ragazzi della mia età muoiono ogni giorno perchè qualcuno dall’altra parte del mondo ha deciso a tavolino che la sua vita è meno importante di un metro quadro di sabbia,non sarebbe il caso di portare la nostra democrazia oltre che i nostri soldati?
Preciso che non sono antimilitarista,anzi! Penso soltanto che ritengo più rischiosa l’attuale situazione coreana della passata irachena(lì le armi di distruzione di massa ci sono di sicuro),quindi se davvero qualcuno deve morire,per lo meno diamogli una scusa valida!
Cosa ne farei io di Saddam?
Bella domanda,ma il popolo che ha guardato dall’altra parte non è moralmente complice?Lo sappiamo tutti che gli eroi in guerra non arrivano mai alla seconda settimana ed è più comodo saltare sul carro del vincitore che affrontare il nostro nemico,quindi lo terrei in vita,ridotto all’impotenza in un carcere rimane in fin dei conti solo un uomo!
Meglio un uomo in carcere col rischio di trasformarlo in perseguitato,che ucciderlo rendendo martire lui ed assassina la nuova democrazia che stà ora nascendo!